Widgetkit Popover Widget
AVOLA

AVOLA

Comune di AVOLA
NOTO

NOTO

Comune di NOTO
Pozzallo

Pozzallo

Comune di Pozzallo
PACHINO

PACHINO

Venerdì 27 Novembre Ore 17:30 Palmento Rudini Contradada Lettiera - Marzameni

more

PORTOPALO

PORTOPALO

Comune di PORTOPALO di CAPOPASSERO
ISPICA

ISPICA

Comune di ISPICA
  • AVOLA

    AVOLA

    Comune di AVOLA
  • NOTO

    NOTO

    Comune di NOTO
  • Pozzallo

    Pozzallo

    Comune di Pozzallo
  • PACHINO

    PACHINO

    Venerdì 27 Novembre Ore 17:30 Palmento Rudini Contradada Lettiera - Marzameni

    more

  • PORTOPALO

    PORTOPALO

    Comune di PORTOPALO di CAPOPASSERO
  • ISPICA

    ISPICA

    Comune di ISPICA

PORTOPALO

Portopalo di Capo Passero, posto sulla punta estrema della Sicilia sud-orientale è il comune più a sud sul territorio italiano. Il caratteristico borgo marinaro, bagnato sia dal Mediterraneo che dallo Ionio, è nato sotto la piccola altura chiamata Cozzo Spadaro, su cui si erge il grande faro indicante la punta di Capo Passero.
Portopalo, prima di diventare autonomo nel 1975, apparteneva al Comune di Pachino.

Già importante insediamento dei Siculi nel XIII secolo a.C., il territorio anche in epoca romana ebbe una posizione strategica per il controllo dei traffici marittimi tra l’Africa e la Sicilia. Dal mare, nel corso dei secoli, arrivarono i Bizantini, poi gli Arabi, quindi i Normanni e gli Svevi, che elessero la zona a baluardo difensivo per proteggere l’entroterra dalle incursioni dei pirati Saraceni.

Portopalo ha sempre avuto una vocazione naturale per le attività legate al mare, che rappresenta un’importante risorsa sia per la pesca che per il turismo.
Il suo grande scalo portuale, con il molo di levante e quello di ponente, è attrezzato per l’attracco dei grandi pescherecci.
Alcune imbarcazioni del posto svolgono anche attività di pescaturismo. I pesci maggiormente pescati sono gambero rosa, tonni (“tonnine” rosse e alalonghe), pesci spada, boghe, merluzzi, spigole, ricciole, saraghi, sardine, acciughe, sauri, rombi, dentici, cernie, lampuche, spatole, razze, triglie e tante altre specie locali. A Portopalo è presente l’unico mercato ittico all’ingrosso della Provincia di Siracusa, un punto di riferimento per l’intera area.

Testimonianza della grande tradizione marinara della zona è la vecchia Tonnara di Portopalo, con la sua loggia, lo stabilimento per la lavorazione del tonno, la grande fornace, i magazzini delle botti e la Chiesa del XVII secolo.

Da visitare anche la piazza di Scalo Mandrie ovvero “Piazza terrazza dei Due Mari” dove si possono ammirare “scieri” e “muciare” barconi usati un tempo per la pesca dei tonni. Lateralmente la piazza si possono ammirare le antiche case dei pescatori note come “Le Casuzze”.
A pochi metri dalla terraferma, c’è l’Isola di Capo Passero, con la sua Fortezza Spagnola e l’imponente statua bronzea della Madonna. Ancora più a sud si trova l’Isola delle Correnti, posta di fronte ad una pittoresca spiaggetta che forma una lingua di sabbia tra la terraferma e l’isola.

Il piccolo borgo vanta un’ampia tradizione in materia di sagre e manifestazioni varie. Occorre ricordare le varie sagre dove fa da protagonista il pescato locale come la Sagra della Sarda, la Sagra del Ciliegino e della Lampuca e la Sagra del pesce e del vino.

Tra le manifestazioni religiose e non si ricordano “U Lamientu” e “A Paci” nel periodo della Santa Pasqua. In occasione della festa del Patrono il 7 Agosto, si può assistere al Palio del Mare e alla Cuccagna a mare.

Tra le specialità culinarie più importanti vi sono le conserve ittiche (sott’olio, sotto sale, affumicate) con la lavorazione di tonni, pesci spada, ricciole, sgombri, acciughe. Da menzionare anche la preparazione di creme, salumi di pesce e della pregiata bottarga. 

Download Free FREE High-quality Joomla! Designs • Premium Joomla 3 Templates BIGtheme.net